Il contratto di cessione dei gatti di razza

sleepy cat

E’ molto comune, quando acquistate un cucciolo di razza, che l’allevatore vi proponga la stipula di un contratto di cessione. Molto spesso l’allevatore ha già un modello pronto, che utilizza per tutti i suoi cuccioli e, con alcune varianti, per i contratti stipulati in caso di cessione da riproduzione o di accordi di monta. Ricordate sempre che la cessione di un cucciolo di razza, all’atto pratico, è una compravendita a tutti gli effetti e che quindi ricade sotto il Codice Civile.

Ma com’è fatto un contratto? E’ molto variabile, perchè non esiste un “modello” associativo di contratto in Italia, per cui gli allevatori si rivolgono di solito a un legale di loro fiducia o si ispirano a contratti di altri allevatori. Possiamo generalizzare dicendo che un buon contratto dovrebbe avere la seguente struttura:

  • Dati dell’allevatore. Sono inseriti i dati anagrafici, codice fiscale, residenza e domicilio, numero di iscrizione in ANFI, nome dell’affisso.
  • Dati del nuovo proprietario. Sono inseriti i dati anagrafici, codice fiscale, residenza e domicilio, eventuale numero di iscrizione in ANFI se in possesso.
  • Dati del cucciolo. Viene indicato il numero di registrazione (o numero del pedigree se disponibile), data di nascita, sesso e colore, dati identificativi dei genitori (nome, numero di registrazione, microchip)
  • Prezzo del cucciolo. In alcuni contratti vi è descritta in modo esplicito la determinazione del prezzo del cucciolo in base alla sua “destinazione”, cioè se è un cucciolo da compagnia, da riproduzione o da show. Dato che il prezzo è spesso diverso, e le variazioni possono essere significative, gli allevatori che applicano la distinzione inseriscono qui i parametri di determinazione del prezzo e il prezzo che viene applicato al cucciolo oggetto del contratto.
  • Obbligazioni dell’allevatore. In questa sezione l’allevatore dichiara quali sono i suoi obblighi nei confronti del cucciolo e quali sono le garanzie che decide di apporre sul cucciolo, per esempio qui si può trovare la dichiarazione dei test genetici eseguiti sui genitori, la garanzia dell’esecuzione di controlli veterinari e di tenuta dell’allevamento in conformità al Disciplinare del Libro Genealogico del Gatto di Razza.
  • Obbligazioni del nuovo proprietario. In questa sezione vengono esplicitate quali sono le obbligazioni della nuova famiglia, e possono essere molte.Questa è la sezione in cui viene inserita, se è prevista, la clausola di sterilizzazione, ma si possono inserire anche divieti di cessione del cucciolo ad altri senza esplicito consenso dell’allevatore, divieto di cessione a negozi o anche l’obbligo della comunicazione di interventi veterinari o di terapie. Spesso sono anche previste delle penali per il non rispetto delle condizioni di cessione e, se previste, qui va indicata la cifra.

Solitamente viene chiesta una doppia firma per le clausole considerate vessatorie, come per esempio la sterilizzazione: la prima firma alla dichiarazione della clausola, la seconda firma alla fine del contratto, per “garantire” di aver letto e compreso correttamente il punto. Il contratto è redatto in duplice copia, firmato da entrambe le parti all’atto della cessione del cucciolo (o in altro momento, a seconda degli accordi). Una copia la tiene l’allevatore, l’altra copia viene consegnata al nuovo proprietario.

Alcuni consigli:

  • Informatevi prima se l’allevatore da cui volete prendere un cucciolo utilizza un contratto di cessione.
  • Non firmate nulla a scatola chiusa! E’ un contratto privato che ha valore, per cui leggetelo bene prima di firmarlo e chiedete tutte le delucidazioni del caso.
  • Se vi sentite a disagio con il legalese, chiedete all’allevatore di fornirvi copia del contratto che firmerete e fatelo leggere a un amico avvocato!

Ricordate anche che, a norma di legge, l’allevatore deve rilasciarvi una ricevuta con applicata, sull’originale, una marca da bollo da 2 euro (ex 1,81 euro).

Annunci

3 pensieri su “Il contratto di cessione dei gatti di razza

  1. Pingback: Guida all’acquisto del gatto di razza #3 – In allevamento per la prima volta | Allevo gatti

  2. Pingback: Guida all’acquisto del gatto di razza #5 – Il giorno della consegna | Allevo gatti

  3. Pingback: La consegna del pedigree all’atto della sterilizzazione, tutti i perché | Allevo gatti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...