Il nome dei cuccioli

Sphynx
Complicati, spesso in inglese, tutti con la stessa inziale… che regole ci sono per nominare i cuccioli che nascono in un allevamento?

Parlerò di ANFI, perché è la mia associazione di riferimento. In ANFI ogni anno vengono assegnate una o più lettere con le quali è obbligatorio chiamare tutti i cuccioli nati in quell’anno. Le lettere hanno una progressione alfabetica e si sono messi la mano sul cuore accorpando alcune lettere oggettivamente complicate (per esempio il 2014 è l’anno in cui “termina” l’alfabeto, e possiamo usare W, X, Y e Z. Grazie ANFI!)

In altre associazioni così come all’estero ci possono essere o meno gli stessi vincoli: per esempio in Svizzera c’è lo stesso vincolo alfabetico ma sono “un anno avanti”. In Danimarca non c’è vincolo, ognuno può fare come vuole ma è una prassi piuttosto diffusa che la prima cucciolata dell’allevamento sia con la A, la seconda con la B eccetera, questo per facilitare il riconoscimento dei propri cuccioli.

Il vantaggio più grande che ne deriva è l’immediata riconoscibilità dell’anno di nascita dei cuccioli: sapere che il 2012 era “l’anno della T” ci fa immediatamente pensare che un gatto che si chiami Thor nato in Italia sia del 2012. E questo aiuta, in expo e in allevamento, a “datare” i gatti che vediamo.

All’interno della lettera, ogni allevatore può decidere come meglio preferisce i nomi da dare ai propri cuccioli. Ci sono comunque delle regole: nomi troppo lunghi, numeri e segni grafici particolari non sono in generale utilizzabili, così come non è tendenzialmente permesso, a meno di eccezioni, chiamare tutti i cuccioli con un nome composto uguale per una parte, tipo Viva Las Vegas, Viva New York, Viva Madrid, perché il “viva” apposto prima si dice che “fa affisso”, cioè può indurre in chi legge i nomi a pensare che “Viva” sia l’affisso (cioè il cognome registrato) del proprio allevamento (e in genere questa regola vale per chi non ha ancora l’affisso).

Ci sono allevatori che pescano a piene mani dalla letteratura, dalla cinematografia, dalle canzoni, che hanno un tema che seguono o per tutti i cuccioli o che cambiano a ogni cucciolata. La creatività si spreca, e le meningi degli allevatori fumano per trovare il nome più originale, più accattivante e che meglio li contraddistingua.

Tanto, e lo sappiamo già, qualunque nome che a noi il più bello, originale, cool mai pensato:

  • il veterinario lo scriverà sempre male.
  • il nuovo proprietario lo cambierà. Istantaneamente. Probabilmente ancora prima che lo prenoti!

E voi che nomi date ai vostri gatti e cuccioli? Hanno una storia dietro, sono nomi inventati, ispirati o che semplicemente vi piacevano?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...